Date raccolta

Le prossime raccolte saranno il:

23/11/2019 a GIARRE CENTRO FISSO

29/11/2019 a GIARRE CENTRO FISSO


PER DONARE RICORDATI...


Consulta il calendario completo...

Consulta giovani

"I giovani dell'Avis chiamano i giovani"...

sembra essere solo un bellissimo slogan, invece pare essere sempre più una realtà nella nostra associazione, in quanto è necessario un rinnovamento; nuove idee devono nascere e nuovi programmi vanno attuati, chi meglio dei giovani può dare una svolta decisiva, cambiare il modo di pensare e agire in modo nuovo come pensano e credono i ragazzi di oggi?

Questo è quello che I'Avis vuole fare, questo è il proposito del gruppo giovani delI'Avis nelle nostre città: scegliere l'Avis e il gruppo giovani per concretizzare la propria disponibilità verso gli altri.

Un modo nuovo di stare insieme per costruire qualcosa, chiacchierare, ridere, scherzare e certamente crescere nel modo più sano possibile creando qualcosa nel buon nome dell'Avis, ecco cari ragazzi non iscritti, una motivazione per entrare a far parte della grande famiglia avisina, rendersi utili, crescere, maturarsi apprezzando di più le piccole cose di ogni giorno.

Il gruppo giovani può essere per voi il primo passo verso la strada della donazione di sangue, qui siamo tutti amici, si lavora insieme per sostenere ed appoggiare le tante iniziative che I'Avis porta avanti e che hanno bisogno proprio di noi giovani.

Il nostro punto di forza in cui crediamo maggiormente è rappresentato proprio dai giovani in cui noi crediamo, nel gruppo giovani troverete disponibilità, amicizia e certamente la maniera di attuare a pieno le vostre capacità.

Nel corso di questi anni molto abbiamo fatto, tante le manifestazioni e i momenti di sensibilizzazione al dono del sangue, curati proprio da noi giovani.

Memorabili anche i nostri incontri conviviali, perché spesso si parla e si ragiona meglio davanti ad una pizza che nella serietà di una sala assembleare. Molte le iniziative in cantiere che abbiamo intenzione di mettere in atto. ti aspettiamo allora...

Ciao e a presto!

La web radio nazionale



Accesso Utenti

Prosegue la collaborazione tra AVIS e il CERGAS (Centro di Ricerche sulla Gestione dell’Assistenza Sanitaria e Sociale) dell’Università Bocconi di Milano.

Dopo la pubblicazione del Libro Bianco nel 2013, che offriva una fotografia puntuale ed aggiornata del Sistema trasfusionale italiano dal punto di vista di AVIS, si è giunti alla realizzazione un nuovo studio dal titolo "La VIS di AVIS - La valutazione dell'impatto economico e sociale dell'Associazione".

La nuova ricerca, che sarà presentata sabato 11 febbraio all'Università Bocconi di Milano (scarica invito e programma) e lunedì 20 febbraio alla Camera dei Deputati (scarica invito e programma), è il risultato dello sforzo intrapreso da AVIS di giungere alla definizione di un modello di valutazione capace di misurare, quantificare e comunicare gli impatti sociali ed economici indotti dalle attività che la nostra associazione promuove, nonché di offrire un contributo all’acceso dibattito sollevatosi a vari livelli attorno al tema della Valutazione di Impatto Sociale (VIS).

I due appuntamenti si inseriscono nel calendario di eventi per le celebrazioni del novantesimo anniversario di AVIS, che ricorre proprio nel 2017.

Fine settimana di lavori e approfondimento a Roma, presso l’Hotel Genova, per la consulta giovani di AVIS NAZIONALE.

Tema principale della due giorni (21-22 gennaio) sarà la gestione delle emergenze, alla luce del maxi piano sulle emergenze trasfusionali approvato lo scorso luglio dalla conferenza Stato regioni e dei ripetuti appelli - soprattutto in occasione del terremoto che in più giorni ha colpito il Centro Italia – a una corretta organizzazione associativa, basata sulla programmazione della donazione ed evitando assembramenti in un’unica giornata o dannose catene di sant’Antonio.
Per il Centro Nazionale Sangue interverrà il dottor Giuseppe Marano, ematologo.
 
Nel fine settimana formativo i giovani discuteranno anche dell’iniziative di AVIS per il 90° anniversario e del progetto di educazione sanitaria ‘Testa o cuore’.